Il classico raffreddore comune che tormenta molte persone in questa stagione è un malanno classico di questo periodo.

Perché viene il cosiddetto raffreddore comune?

Prima di tutto, questo malanno può essere causato da molti ceppi diversi di virus, ne esistono più di 200. Nella maggior parte dei casi il responsabile è un rinovirus che si riproduce nel naso. Da qui poi si sposta ovunque, dalla gola alle mani, rendendo il raffreddore comune estremamente contagioso. Sfatiamo un mito: non è vero che “prendere freddo” fa ammalare. Prima di tutto per prenderesi il raffreddore c’è bisogno che il virus sia in giro, altrimenti non è possibile ammalarsi. Non c’è necessariamente una correlazione causa effetto tra le freddo e malattia, anche perché i virus si evolvono in continuo per riuscire a farci ammalare.

Ironicamente in inverno uno dei problemi e delle cause del raffreddore comune può essere il riscaldamento. Questo infatti tende a seccare l’aria e, quindi, le nostre mucose, rendendoci più sensibili a problemi come il raffreddore comune. Inoltre in inverno si tende a passare più tempo con persone diverse in spazi ristretti, come uffici o bar, rendendo il contagio più facile.

Chi sono le persone più sensibili?

Ci sono alcuni fattori di rischio che rendono le persone più o meno sensibili al raffreddore comune. Come abbiamo detto si tratta di un problema che colpisce soprattutto in inverno non tanto per le temperature ma per la tendenza a stare in tanti in posti piccoli. Chi passa molto tempo in luoghi affollati può essere più a rischio. L’età, oltre alle abitudini di vita, è un fattore importante. Crescendo aumenta l’immunità verso certi malanni, i bambini sono infatti più sensibili a questi problemi, così come gli anziani. Inoltre i bambini passano molto tempo con i coetanei, all’asilo e a scuola, senza prestare troppa attenzione alle norme igieniche.

Infine bisogna tenere conto di una cosa di cui abbiamo già parlato: l’aria secca e le mucose secche. Chi già soffre di problemi respiratori che possono rendere naso e gola più sensibili è solitamente più facilmente contagiato dal raffreddore comune, così come chi fuma o passa molto tempo in luoghi non adeguatamente umidificati.

Come fare per proteggersi dal raffreddore comune?

Il modo migliore sarebbe fare attenzione alle persone ammalate e provare a evitare i luoghi troppo affollati, anche se questo può risultare difficile. Una soluzione è assicurarsi di lavorare e vivere in ambienti adeguatamente umidificati.

Ci sono alcuni alimenti poi che possono essere utili grazie alla loro azione antibatterica. Più che impedire che venga il raffreddore comune in questo caso tendono ad alleviare i sintomi e accelerare la guarigione. Agli, peperoncino, zenzero e cannella fanno parte di questi cibi. Anche alcuni oli essenziali possono aiutare ad alleviare i sintomi, così come i balsami per il petto per liberare il naso. Un’altra attenzione che si può avere è quella di preferire i fazzoletti di carta a quelli di stoffa per soffiarsi il naso. In questo possiamo buttarli una volta utilizzati, invece di spargere il raffreddore.

Mostra tutto
Precedente Cinque tisane della salute per il nostro benessere
Successivo Cinque alimenti del buonumore: i cibi per essere più felici
Close

PROSSIMO ARTICOLO

Close

Occhi che bruciano: quali sono le possibili cause e soluzioni?

13 Novembre 2018
Close