Indice del contenuto

  1. Che cosa sono le barriere architettoniche?
  2. Abbattimento barriere architettoniche: cosa prevede la normativa
  3. Caratteristiche dell’abbattimento delle barriere architettoniche in un condominio
  4. Eliminare le barriere architettoniche negli edifici privati
  5. Abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici
  6. E la normativa per barriere architettoniche come rampe e scale?
  7. Esiste l’Iva agevolata per l’abbattimento delle barriere architettoniche?

Che cosa sono le barriere architettoniche?

Le barriere architettoniche sono tutti gli ostacoli che non permettono la completa mobilità da parte di coloro che hanno una capacità motoria ridotta, temporaneamente o permanentemente. Per barriere architettoniche intendiamo scale, marciapiedi privi di rampe, porte strette. La loro presenza può impedire agli individui di cui sopra di uscire di casa e accedere in luoghi pubblici.

Abbattimento barriere architettoniche: cosa prevede la normativa

In materia di abbattimento delle barriere, vi sono tre tipi di normativa da considerare: la Legge 13/89, che determina sia gli obblighi di superamento delle barriere negli edifici privati, sia i contributi per i lavori di abbattimento delle stesse negli edifici costruiti prima del 1989; il Decreto Ministeriale 236/89 e DPR 503/96, che riguardano gli interventi tecnici per rendere accessibili e visitabili gli edifici alle persone con disabilità.

Caratteristiche dell’abbattimento delle barriere architettoniche in un condominio

La legge che regolarizza questa materia specifica è il D.M. n. 236/1989. In base a tale normativa viene stabilito che, nel caso di opere di edilizia volte ad abbattere le barriere architettoniche, le spese possono essere acconsentite dall’assemblea di condominio, sulla base di quanto stabilito dal Codice Civile. Nel caso in cui nessuno dei condomini si pronunci in materia, i lavori di eliminazione delle barriere architettoniche sono a carico del disabile. Questo vale anche per l’eventuale necessità di installazione di un montascale.

Eliminare le barriere architettoniche negli edifici privati

Anche per gli edifici privati la normativa prevede che si presentino misure volte all’eliminazione delle barriere architettoniche. In particolare, ci si deve riferire alla legge 13/1989. In base a tale legge hanno diritto di richiedere contributi per l’eliminazione di barriere architettoniche negli edifici privati i disabili con limitazioni funzionali permanenti. Il contributo può essere concesso per una singola opera, come nel caso della realizzazione di una rampa, oppure per un insieme di lavori (allargamento portone d’ingresso).

Abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici

Per quanto riguarda gli edifici pubblici la normativa vigente, contenuta nel D.P.R. 503/1996, prevede determinati requisiti per l’accessibilità agli spazi. Molteplici sono i settori in gioco: i parcheggi, l’arredo urbano, gli attraversamenti pedonali e i semafori, la costruzione di scale e rampe. I requisiti in questione devono riguardare sia le strutture interne ed esterne degli ambienti pubblici, le quali devono avere caratteristiche particolari a seconda del tipo di invalidità da considerare.

E la normativa per barriere architettoniche come rampe e scale?

Per quanto riguarda le misure da prendere in materia di scale e rampe, valgono le norme del decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n.236. I percorsi che superano i 6 metri di larghezza devono essere in genere attrezzati con corrimano centrale.

Esiste l’Iva agevolata per l’abbattimento delle barriere architettoniche?

Per gli interventi di ristrutturazione edilizia sugli immobili si può fruire di una detrazione Irpef pari al:
– 50%, da calcolare su un importo massimo di 96 mila euro, se la spesa viene condotta nel periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2017.
– 36%, da calcolare su un importo massimo di 48 mila euro, per le spese effettuate dal 1 gennaio 2018.

Queste sono alcune importanti indicazioni da tenere a mente per quel che riguarda l’abbattimento delle barriere architettonica. Teniamo a rimarcare che l’importanza di una simile tematica, dato l’impatto che ha concretamente nella vita delle persone, non dev’essere mai messa in secondo piano.

Mostra tutto
Precedente Cersaie 2017: Ponte Giulio presenta la nuova linea di prodotti HUG
Successivo Come si possono scegliere gli ausili doccia per disabili?
Close

PROSSIMO ARTICOLO

Close

Progettare un bagno accessibile per anziani e disabili

20 Febbraio 2017
Close