Herpes labiale: cos’è e come gestirlo

Herpes-labiale-cosa-e-come-gestirlo

Il famoso herpes labiale è un problema non tanto grave, ma estremamente fastidioso e seccante per chi ne soffre. Imparare a conoscerlo è un buon modo per conviverci e gestirlo nel modo migliore.

Cos’è l’herpes labiale?

Esistono due tipi di herpes, quello labiale e quello genitale. Si tratta di un virus subdolo, che una volta entrato in contatto con il nostro corpo e averci contagiati rimane latente finché non si abbassano le nostre difese immunitarie per mostrarsi. Quando le difese immunitarie si abbassano e l’herpes labiale attacca le cellule le infiamma e provoca la formazione di siero, raccolto in fastidiose e dolore vescicole. Quando poi gli anticorpi attaccano l’herpes inizia a retrocedere, ma non riesce a venire distrutto, andando a nascondersi, per così dire, all’interno di un nervo. Lì rimane latente fino al prossimo abbassamento di difese immunitarie.

Tale abbassamento può essere causato da molte cose. Una semplice influenza, un periodo di stress più intenso, abitudini di vita troppo intense, l’avvicinarsi del ciclo mestruale, febbre o semplice stanchezza.

Le fasi dell’herpes e la sua durata

L’herpes, al contrario di quanto si potrebbe pensare, non è soltanto il momento in cui esplodono le vescicole, anche se quello è il momento più fastidioso. In realtà ha cinque fasi che possono durare da una settimana fino a 12 giorni, più o meno.

  • Fase 1. In questo momento l’herpes inizia a riprodursi nel labbro, dando una sensazione di formicolio e gonfiore. Se è la prima volta che l’herpes labiale compare è possibile che porti con sé anche un po’ di febbre e può durare fino a un paio di giorni.
  • Fase 2. La sensazione di gonfiore passa dando l’impressione di avere delle piccole “sfere” sotto la pelle. Piano piano queste sfere diventano rosse e si riempiono di liquido, dando vita alle vescicole. Solitamente anche questa fase dura al massimo un paio di giorni.
  • Fase 3. Questa viene anche detta ulcerosa ed è la peggiore. Le vescicole esplodono, lasciando in vista la pelle ferita e rilasciando il liquido. Si tratta di una fase molto dolorosa, fastidiosa e contagiosa che rende difficile anche alcune cose estremamente semplici, come sorridere o parlare, a seconda dell’estensione delle lesioni.
  • Fase 4. In questa fase le ulcere iniziano a guarire naturalmente, formando una crosta. La crosta è molto fastidiosa, non è elastica ed è secca, quindi tende a spezzarsi, prudere e sanguinare, dura circa 3 o 4 giorni.
  • Fase 5. La crosta cade da sola e le labbra sono di nuovo sane. Normalmente non rimangono cicatrici sulle labbra, ma essendo la crosta molto fastidiosa a volte è difficile resistere all’urgenza di grattarsi, rischiando di lasciare segni.

Cosa fare quando compare l’herpes labiale?

Una volta che iniziano a sintomi si può intervenire prima della comparsa delle vescicole con una crema antivirale (a base di acyclovir) da mettere ogni 2 ore per almeno 4 giorni. Se si è intervenuto abbastanza tempestivamente si può riuscire a salvarsi dalla comparsa di tutto il resto. Va utilizzata anche sulle vescicole già comparse perché non uccide il virus, ma gli impedisce di continuare a riprodursi. Una volta che le vescicole sono esplose invece bisogna passare a una crema antibatterica.

Una volta che l’herpes labiale fa la sua comparsa bisogna ricordarsi di avere alcune buone abitudini. Bisogna lavarsi spesso le mani ed evitare di toccarsi le labbra, per evitare di spargere l’infezione in altre zone delle labbra. Anche cambiare lo spazzolino è una buona abitudine, oltre a fare attenzione a quando si usano asciugamani condivisi. L’herpes infatti è molto contagioso.

E infine, ricordate che è una seccatura, ma in un paio di settimane al più tardi sarà passato.